VITA SANA

Spiritualità cosmetica

Vita sana 1. Spiritualità cosmetica. Per essere vero uomo non basta essere soltanto umano.

               Consigli per una vita più sana.Vita sana 2


epub € 4,99

kindle € 4,99

pdf € 4,99

libro cartaceo € 9,49


Indice:

1. Introduzione e non soltanto

2. Meraviglia della diversità

3. Il popolo speciale

       1°. La forza della resistenza

       2°. Il popolo sempre prediletto

           - prima riflessione

           - seconda riflessione

           - terza riflessione

           - quarta riflessione

4. Shemà Israel

       1°. Ascoltare Dio

       2°. Perché Dio ci invita ad ascoltarlo?

       3°. Che cosa è questo qualcosa di più?

       4°. Che cosa sono i sensori spirituali

       5°. I sensori spirituali dell'ascolto di Dio

       6°. Come arrivare all'ascolto perpetuo di Dio?

       7°. Ascoltare dentro di me

       8°. Che cosa Dio fa con caos?

5. Scemo uomo o uomo scemo


1. Introduzione

La vita sana” continua ed è un buon segno. Significa che l'autore è ancora in piedi, che vive e desidera vivere sano e a lungo.

Ho inventato un nuovo detto:

Chi vive sano vive lontano.

Chi vive malissimo vive brevissimo!

Noi desideriamo vivere in eterno!

Insieme con Dio!

Il secondo libretto ha un titolo che ci fa pensare: “Per essere un vero uomo non basta essere soltanto umano”. Perché questo titolo? Per essere un vero uomo ci vuole qualcosa di più, un notevole salto di qualità della nostra natura umana verso Dio. In ogni religione1 osserviamo la manifestazione di Dio all'uomo. Dio con la sua grazia aiuta l’uomo a diventare santo, illuminato o perfetto, insomma, unito con Dio in modo perfetto.

L'uomo divinizzato2.

Ecco il senso del titolo del libretto, dovremmo assomigliare a Dio ed essere la sua immagine. La Bibbia ci spiega questo in modo perfetto3. Dio non è teorico ma è pratico e molto concreto. Per toglierci il dubbio su che cosa significhi essere la sua immagine e somiglianza diventa uno di noi4.

ECCO GESÙ – VERO DIO E VERO UOMO!


Vuoi capire cosa significa essere immagine di Dio? - guarda Gesù.

Vuoi capire chi è Dio? - guarda Gesù5.

Vuoi capire cosa significa essere vero uomo – guarda Gesù!

Vuoi capire cosa significa amare – guarda Gesù!

Vuoi capire cosa significa perdonare – guarda Gesù!

Vuoi diventare santo/a – guarda Gesù! E così via....


guardaLo...

meditaLo...

contemplaLo...

amaLo...


Desidero condividere con voi tutto questo che passa nella mia testa e non mi lascia in pace. Desidero condividere con voi un'idea non nuova, vecchia come il Mondo ma sempre giovane, fresca e attuale:


LA FELICITA'.


Un'idea che ognuno di noi deve chiarire da solo dentro di sé, senza poter sostituirsi agli altri. Un percorso personale e molto intimo. Sarebbe facile farlo, specialmente per le persone che se lo possono permettere.


TROVO QUALCUNO, LO PAGO, LUI CERCA E QUANDO HA TROVATO MI APPLICA L'IDEA E SONO A POSTO!

NEVER! NEVER! E ANCORA NEVER!

MAI POSSO FARE COSI!

LA FELICITA' E' MIA E DEVO CERCARLA E TROVARLA

DA SOLO... SENTIRE LE EMOZIONI CHE MI ACCOMPAGNANO...

DEVO SENTIRE COME CRESCE IN ME...

COME MI COINVOLGE...

E MI ATTRAVERSA...

SONO SENSAZIONI UNICHE E DEVO VIVERLE PERSONALMENTE PER CAPIRE COS'È LA FELICITA'!


e una volta trovata – non posso lasciare stare...


NO! NON E' COSI'!


DEVO CERCARLA SEMPRE E NELLO STESSO MOMENTO CONSERVARLA, SE NO – LA PERDO... MI SFUGGE... LA FELICITA' NON E' UNA COSA PRONTA E FINITA... LEI E' IN MOVIMENTO CONTINUO E SE VOGLIO AVERLA DEVO RINCORRERLA …


DI CHE IDEA PARLO?


DELL’ IDEA DI STAR BENE!

nel corpo

nella mente

nella psiche

nell'anima

per poi influire nell'ambiente dove vivo in modo positivo e costruttivo. Per essere portatore di positività6.

Per stare bene ci vogliono tanti fattori messi insieme e non tutto dipende da me, ma la parte che dipende da me devo, almeno provo, a gestirla. Sicuramente posso essere padrone di me stesso: dei miei pensieri e del comportamento, del mio cuore.

La società?

Ecco un bel problema!

Spesso vuole convincerci e farci credere che la vita è come una catena di montaggio che ci insegna i movimenti del robot, veloci e precisi, senza pensare e riflettere, con il tempo contato. La società sempre più frenetica e senza uno scopo preciso.

ATTENZIONE!

Sembra che non ci sia uno scopo preciso, invece lo scopo c'è, eccome!

Allontanarci da Dio.

Allontanarci dagli altri.

Allontanarci da noi stessi.

Svuotarci da tutto ciò che è bello.

Svuotarci della gioia della vita.

Svuotarci della felicità.

STOP!

In un certo momento dobbiamo dire STOP!

Basta!

Non ne posso più!

Voglio respirare!

Ossigeno prego!

Mi soffoco!

(Aiuto 118 aiuto 118 aiuto 118 – ossigeno prego...)


Nella crescita personale deve e, ripeto ancora una volta, deve arrivare il momento che sarò capace di gestire almeno me stesso e tutto quello che trovo nella mia vita intima.

Devo trovare un sano distacco dalla società che mi circonda e vuole infiltrarsi nella mia vita, che vuole schiavizzarmi nel suo circuito cieco e senza uscita, nel suo circuito viziato. Chi non è capace di difendersi, perché il suo “sistema immunitario” già funziona poco, oppure non vuole farlo perché non vuole sforzarsi e impegnarsi, spesso si giustifica cercando colpevoli fuori di sé:

- possono essere le altre persone;

- il sistema sociale e politico;

- il lavoro, gli impegni,

- la famiglia, i figli,

- il tempo.

Corro perché sono costretto a correre!

Può essere che mi fa comodo correre – anche questo può essere una bella scusa per non impegnarmi nella ricerca della felicità.

VEDI! NON HO TEMPO. HO TANTI IMPEGNI!

Ecco, bella scusa!

NON LO HAI PERCHÉ NON VUOI AVERLO! OPPURE NON SEI CAPACE DI GESTIRLO! E' FUORI CONTROLLO COME LA BOMBA NUCLEARE7, che uccide e rovina. Sappiamo anche che lo stesso uranio e plutonio controllati possono dare tantissimi benefici come centrali nucleari, che producono l'energia così importante per la nostra vita.

Se vogliamo possiamo trovare mille scuse per sentirci giustificati. Ma così è troppo facile! Vedere le colpe dappertutto e in tutti, ma non vederle in se stessi.

Ecco!

I racconti sono la mia specialità, allora leggetelo con attenzione.

All'inizio del cristianesimo, nei tempi dei Padri del deserto, tanti cristiani andavano nel deserto a vivere come eremiti. In una comunità di monaci c’era un monaco che si lamentava sempre di tutti e di tutto e cercava le colpe in tutti, ma mai in se stesso. Se era nervoso era colpa loro, se diceva le parolacce era colpa loro e così trascorreva ogni suo giorno. Il suo desiderio era stare da solo, perché pensava che in questo modo poteva stare tranquillo e beato. Allora il suo superiore gli permise di andare in un luogo solitario, lontano dalla comunità, per vivere da solo. Che gioia e che entusiasmo! “Finalmente potrò godere la pace”: diceva! “Amen! Cosi sia! E ancora amen!”.

Una settimana di pace, un'altra e ancora un'altra... e così via. “Avevo ragione”: diceva! “ Sapevo che la colpa era degli altri. Ecco! Sto da solo e tutto è a posto!”. Però! Però! Però!

Qualche volta andava a prendere l'acqua in un pozzo lontano dalla sua dimora e lo faceva volentieri. Durante il tragitto cantava e pregava. Un giorno stava tornando ed era contentissimo, perché già da più di un anno viveva da solo e neanche una volta aveva perso la pazienza o si era arrabbiato. “Non c’era motivo”- diceva - “vivo da solo in piena armonia; colpevoli qui non ce ne sono”.

In quel giorno così bello, il monaco inavvertitamente rovesciò il secchiello con l'acqua. Attenzione! E cosa accadde? Uscì la verità!

In un attimo cominciò a gridare, a dire parolacce, perfino le bestemmie...ed ecco , arrivò l'illuminazione!

Capì una cosa importantissima: che non erano gli altri i colpevoli, ma lui stesso. Si pentì e ritornò in comunità, chiedendo scusa a tutti!


Credetemi è proprio così! Dobbiamo guardare a noi stessi e non giudicare gli altri. Il vero cambiamento nel mondo e negli altri inizia nei nostri cuori. Qui è la partenza. Interessante! Quando cambio il mio cuore si cambia anche il mondo, pur rimanendo sempre lo stesso. Posso dare al mondo e agli altri soltanto ciò che possiedo. Se sono vuoto, che cosa posso offrire agli altri? Sì sì! Hai ragione! Posso dare il Vuoto, soltanto il Vuoto e nient’altro.


DEVO CAMBIARE ME STESSO.

IL MIO MODO DI VEDERE LE COSE.

IL MIO MODO DI VIVERE LA VITA.

DI AGIRE.

DI PARLARE.

DI PENSARE.

DI ESSERE.

INSOMMA! DEVO CAMBIARE ME STESSO! PERO' NON IN MODO SUPERFICIALE E ARTIFICIALE, MA NELLA PROFONDITÀ DEL MIO CUORE. DEVO CAMBIARE QUELLO CHE POSSO E ACCETTARE QUELLO CHE NON POSSO CAMBIARE8.


In questo momento vorrei raccontarvi un episodio della vita di san Francesco9 (spero che tutti già abbiamo sentito parlare di lui).

"Un giorno San Francesco stava pregando fervidamente il Signore, quando sentì una voce: “Francesco, se vuoi conoscere la mia volontà, devi disprezzare e odiare tutto quello che mondanamente amavi e bramavi possedere. Quando avrai cominciato a fare così, ti parrà insopportabile e amaro quanto per l’innanzi ti era attraente e dolce; e dalle cose che una volta aborrivi, attingerai dolcezza grande e immensa soavità”.

Felice di questa rivelazione e divenuto forte nel Signore, Francesco, mentre un giorno cavalcava nei paraggi di Assisi, incontrò sulla strada un lebbroso. Di questi infelici egli provava un invincibile ribrezzo; ma stavolta, facendo violenza al proprio istinto, smontò da cavallo e offrì al lebbroso un denaro, baciandogli la mano. E ricevendone un bacio di pace, risalì a cavallo e seguitò il suo cammino. Da quel giorno cominciò a svincolarsi dal proprio egoismo, fino al punto di sapersi vincere perfettamente, con l’aiuto di Dio.

Trascorsi pochi giorni, prese con sé molto denaro e si recò all’ospizio dei lebbrosi; li riunì e distribuì a ciascuno l’elemosina, baciandogli la mano. Nel ritorno, il contatto che dianzi gli riusciva repellente, quel vedere cioè e toccare dei lebbrosi, gli si trasformò veramente in dolcezza. Confidava lui stesso che guardare i lebbrosi gli era talmente increscioso, che non solo si rifiutava di vederli, ma nemmeno sopportava di avvicinarsi alle loro abitazioni. Capitandogli di transitare presso le loro dimore o di vederne qualcuno, sebbene la compassione lo stimolasse a fare l’elemosina per mezzo di qualche altra persona, lui voltava però sempre la faccia all’altra parte e si turava le narici. Ma per grazia di Dio diventò compagno e amico dei lebbrosi così che, come afferma nel suo Testamento, stava in mezzo a loro e li serviva umilmente."10.


Ecco! Avete capito cosa deve succedere nella nostra vita?

Dobbiamo cambiare noi stessi per vedere tutto con occhi diversi.

CON LA SENSIBILITÀ DIVERSA.


Se non imparo a gestire l’influenza della società su di me, essa può disturbarmi fino al punto di soffocarmi, tagliarmi le ali e bloccarmi nello sviluppo. Non dico che è facile “staccarsi” dalla realtà che mi circonda, ma è possibile. Devo lavorare su me stesso. Vi dico, non è facile questo. Le cose belle in genere non sono facili. Costano tanto impegno e non sempre sono ben viste dagli altri. Perché? Perché toccano le coscienze.

Guardate!

Se volete volare dovete staccarvi e dovete superare la negativa influenza della società11. Sicuramente non è facile, ma vi giuro che è possibile. Come al solito cerchiamo l'aiuto di Gesù. Lui dice:

Tutto è possibile a chi crede...”12.

Da dove cominciare?

In questo punto ci può aiutare san Paolo Apostolo che ci ammonisce:

Non conformatevi a questo mondo, ma lasciatevi trasformare rinnovando il vostro modo di pensare, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto”13.

Immagino che le parole di Gesù e di San Paolo, il suo Apostolo, non sono soltanto per i cristiani ma per tutti gli uomini del mondo. Tutti vogliamo essere felici perché siamo stati creati da Dio per la felicità ed essa è incisa in modo incancellabile nella profondità dei nostri cuori. Un richiamo continuo.

FELICITA'!

FELICITA'!

FELICITA'!

Per favore! Fermati un po’... fermati e ascolta! La senti? No! Allora fermati ancora di più. Ascolta! No! Allora fermati ancora di più. Ascolta!

Senti?

Accogli!

Segui!

Godi!

Assaggia!

Vivi!

Condividi!

(...)

1Per religione in genere si intende un rapporto tra l'essere umano e un Essere Superiore, Dio come persona; per esempio l'Ebraismo, il Cristianesimo, l'Islam. http://www.riflessioni.it/enciclopedia/religione.htm

3Gen1, 26-27 “Dio disse: Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra». Dio creò l'uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò”.

4Gv 1,14 “E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi”

5Gv 14,8 “Chi ha visto me ha visto il Padre”; Gv 10,30 “Io e il Padre siamo una cosa sola”; Col 1,15 “Egli è immagine del Dio invisibile”.

6Preghiera Semplice di San Francesco d'Assisi:

Oh! Signore, fa di me uno strumento della tua pace:

dove è odio, fa ch'io porti amore,

dove è offesa, ch'io porti il perdono,

dove è discordia, ch'io porti la fede,

dove è l'errore, ch'io porti la Verità,

dove è la disperazione, ch'io porti la speranza,

dove è tristezza, ch'io porti la gioia,

dove sono le tenebre, ch'io porti la luce.

8La preghiera della serenità degli Alcolisti Anonimi:

“Dio, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso, e la saggezza per conoscerne la differenza”.

10Dalla Leggenda dei Tre Compagni (3Comp 11: FF 1407-1408)

11“Un uccello non può volare alto o lontano con una pietra legata sul dorso. Ma lascia andare l’impedimento e sarai libero di librarti ad altezze senza precedenti”. Alan Cohen, Tutto il bello che c’è.

12Mc 9,23

13Rm 12,2